giovedì 26 marzo 2009

Il Pane ( e la mia Strana Verità)

Preparatevi... ... non ci posso fare nulla se ultimamente mi sento "ispirata" dalla musica... quella di casa nostra...
Oggi è la volta di una canzone che forse non tutti conoscono, giacchè di ARISA x ora in radio si sente la sua scanzonata SINCERITA' ma da poco è uscito anche il suo album ed io mi sono innamorata di questa canzone....!

A parte tutto quello che si può scrivere sul "personaggio" ARISA se la si sente cantare certo non le si attribuirebbe quella sua vocina da cartone animato che può far innervosire o far sorridere da matti.... il testo di questa canzone mi piace molto... LA MIA STRANA VERITA'
Eccovelo...

Vivo a una distanza siderale
da quell'essere normale
che appartiene solo a chi
non si meraviglia più di un
fiore o di un tocco di colore
e si pone limiti
io sono a metà di quel che
vedi e se adesso non ci
credi, lascia perdere perchè
se mi dici adesso che mi
ami, poi mi tremano le
mani, quindi vorrei dirti che

Io sono pane, terra lame
e un biscottino
ali di farfalla dentro
un giardino
tuono, vita, suono e marchingegno
letto, sonno, sogno però
m'impegno
e canto qualche volta,
diciamo spesso
mi alzo sempre presto,
ma quando posso
resto nel mio letto che è
come un prato
faccio grandi sogni, ma
se ho mangiato.

Se mi dici io ti do la luna,
metto tutto giù in cantina
per far spazio solo a lei
se vuoi darmi la felicità, io
capisco eternità, quindi non
mentirmi mai
il disordine è la mia famiglia,
meglio chi mi rassomiglia,
altrimenti sono guai
ho un olfatto quasi da
tartufo, già lo vedo che
sei stufo ma è così e se tu
mi vuoi

Io sono pane, terra lame
e un biscottino
ali di farfalla dentro
un giardino
tuono, vita, suono e marchingegno
letto, sonno, sogno però
m'impegno
e canto qualche volta,
diciamo spesso
mi alzo sempre presto,
ma quando posso
resto nel mio letto che è
come un prato
faccio grandi sogni, ma
se ho mangiato.

Io sono neve che si scioglie
al sole se mi chiami amore
e frase di una semplice
poesia
io sono pane, terra, vita,
stella, suono, sogno, lampo,
e tuono la mia strana verità.


Anche io mi sento come le cose descritte in quest'ultima frase...
Mi sento PANE, TERRA, VITA, STELLA, SUONO, SOGNO, LAMPO...

ed ora la ricetta....


Ciabatta con semola
Tratta dal libro di Piergiorgio Giorilli "Panificando"

Ingredienti:
Per la biga:(con maturazione 16-18 ore a 17°-18° di temperatura)
250 gr. semola rimacinata
250 gr. farina W 320 (io ho usato la manitoba)
250 gr. acqua
5 gr. lievito di birra fresco
Per l'impasto:
50 gr. semola rimacinata
1 gr. lievito di birra fresco
11 gr. sale
1 cucchiaino di malto (2.75 gr. per l'esattezza)
135 gr. acqua

Esecuzione:
Impastare con la vostra Macchina del Pane, oppure a mano, la biga matura con il resto degli ingredienti unendo il sale e il 20% dell'acqua a meta' lavorazione.
Dopo circa 10/11 minuti di lavorazione quando si sarà formata la palla, ungere un contenitore d'olio (io ho usato una ciotola di plastica, la ceramica è troppo fredda), adagiare l'impasto e lasciar riposare 40 minuti; trascorso questo tempo rovesciarlo su un tagliere ben infarinato e spezzare del peso desiderato con la parte del taglio in alto.
Trascorsi 40 minuti voltare i pezzi tirandoli leggermente, porre sulla teglia infarinata e cuocere a 230° per circa 20 minuti mettendo un pentolino con acqua bollente sul fondo del forno.

Ed ora il video che video non è ma almeno la potete ascoltare!!!




18 commenti:

  1. grazie per questa canzone...è meravigliosa...speravo davvero che Arisa fosse sempre stupenda...e sembra di si!

    RispondiElimina
  2. Arisa non la conosco ma Giorilli l'ho intervistato in gennaio :-)
    E' davvero un grande e poi non so se lo sai ma è varesotto come me!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  3. Per ora sto assaggiando le specialita' della comare, ma tienti pronta che arrivo pure li'!
    Stupendo pane!
    baci!

    RispondiElimina
  4. Sono andata su youtube ad ascoltare la canzone, grazie per avermela fatta conoscere!
    Mi daresti anche una fetta di pane? E' ora di pranzo, sai com'è ;-)

    RispondiElimina
  5. Grazie per questa ricetta di Giorilli fatta con la macchina del pane.Era da un po' di tempo che ne cercavo una simile.La proverò al più presto, magari domani che è sabato e sono a casa! Ciao e abbracci!

    RispondiElimina
  6. Ciao, grazie per le belle parole che hai scritto nel mio blog.
    Complimenti per il pane, buon fine settimana :)

    RispondiElimina
  7. In Trattoria c'è un meme per te, se ti va!

    RispondiElimina
  8. neeeeeee che bella questa canzone! good annina .... spettacolare il pane, ha proprio le striature di quello comprato! :)

    RispondiElimina
  9. Pare di sentire di qiu il profumo del pane, il profumo più buono che ci sia!!

    RispondiElimina
  10. Grrr.... la ciabatta è la mia bestia nera. Complice un forno anarchico non sono mai riuscito a farla venire come volevo e, adesso che ho un forno ubbidiente, non riesco più a trovare il coraggio per cimentarmi. In realtà sono soltanto pigro ma, se mi sfidi....

    RispondiElimina
  11. ciao! non conoscevo il tuo blog... torno a trovarti!
    :-)

    RispondiElimina
  12. Ammazza che ciabattine!!! Ci hai fatto penare prima di arrivarci e poi le piazzi lì come se fosse roba da nulla.
    Capisco che hai seguito il buon Giorilli, ma fare delle buone ciabatte è cosa tutt'aòtro che facile. E questa non è una strana verità...

    RispondiElimina
  13. A tutti, proprio tutti...
    un grazie speciale...
    sono felice che pane e musica vi siano piaciuti...
    sono giornate un pò "piene" ed il tempo x il blog e x la cucina è sempre così poco!
    Spero di tornare presto con una nuova ricettina
    Anna

    RispondiElimina
  14. brava Annina sono splendide queste pagnottine di pane, mi copio la ricetta e devo provarle...grazie degli auguri sei molto gentile...un bacio Tittina

    RispondiElimina
  15. Bravissima: mi entusiasmo sempre nell'ammirare la bontà del pane appena sfornato:-))

    RispondiElimina
  16. Anch'io adoro quella canzone! E' bellissima, ti fa sorridere come una giornata di sole e non mi capita spesso negli ultimi anni con le canzoni di Sanremo!
    Ottimo anche il pane... come sempre! Un bacione

    RispondiElimina
  17. chissà che buone quelle ciabatte appena sfornate..ne sento il profumo!
    Bacio!

    RispondiElimina
  18. sei veramente brava.Io ho provato a fare il pane nella macchina ma mi sono subito arresa per la scarsa riuscita.Vorrei sapere :ma questa farina di semola rimacinata si può trovare al supermercato'se puoi aiutarmi ti ringrazio tanto ciao daniela51

    RispondiElimina