venerdì 17 novembre 2006

Le Ricette della famiglia (3)

Essendo per metà pugliese e per metà siciliana e per puro spirito di par condicio, tra le ricette della famiglia tocca ad un altro classico della cucina di mio papà.. Per Camilleri la presente pietanza è la preferita da Salvo Montalbano, per me è un trionfo di bontà e facilità... l'unica difficoltà è quella di beccare il pescivendolo che ha la pazienza di deliscare le sarde (a differenza delle alici è molto più difficile deliscarle!)... Io sono riuscita a trovarle già deliscate surgelate e vengono buone lo stesso!

Sarde a Beccaficu



Ingredienti:
24 sarde piuttosto grosse
Un trito di aglio e prezzemolo mescolato con pecorino grattuggiato
Un poco di aceto
Farina
Uovo battuto
Pangrattato
Limoni
Olio
Sale e poco pepe


Nettare le sarde, eliminarne la testa e la coda; risciacquarle bene e man mano aprirle senza dividerle; ritirare le lische, rilavarle bene e asciugarle con un panno di cucina ben pulito.
Allineare le sarde bene aperte sopra un gran piatto, spruzzarle di aceto e condirle con sale e poco pepe; coprirne la parte interna di ognuna con un poco di trito di aglio, prezzemolo e formaggio, e ricomporle pressandole con le dita in maniera che il ripieno vi rimanga ben racchiuso; passarle alla farina, poi nell'uovo battuto e infine impanarle bene con le palme delle mani o con una palettina.
Ungere bene una teglia d'olio; passare la teglia nel forno. Dare circa mezz'ora di cottura sino ad avere la superficie ben gratinata; servire subito nella teglia di cottura e passare a parte mezzi limoni.

7 commenti:

  1. Ecco così faresti felice un uomo: Jazzer!
    Ama Montalbano e le sarde! Meglio di così!

    RispondiElimina
  2. Che bontà...da farsi invitare.
    Un cantastorie siciliano(Ciccio Busacca)aveva aperto, molti anni fà un ristorantino sul lago, e le sue sarde a beccaficu erano un capolavoro. Da allora ho imparato ad amare la cucina siciliana.

    Non abbandonarla mai.

    a presto

    RispondiElimina
  3. che bell'aspetto! Croccanti e per niente unte, praticamente squisite. Ce ne sono ancora?

    RispondiElimina
  4. ... sento il profumo di casa...
    bravissima

    RispondiElimina
  5. @Graziella: tu e jazzer con il piccolo Lorenzo siete invitati a casa nostra ogni volta che lo desideriate!

    @Sergiott: I siciliani sono persone di gran cuore e di sapori culinari indimenticabili, io per foruna ho nel sangue questi sapori!

    @rossofragola: purtroppo finiscono sempre in un battibaleno... la crocacntezza e la non untuosità sono date dalla cottura al forno, geniale per questa pietanza!

    @afrodita: anche tu hai sapori e odori di casa sicula?

    RispondiElimina
  6. amo il pesce, in tutti i modi. E queste sarde mi sembrano favolose
    ;-P

    RispondiElimina
  7. da Ma&Ma "acquolina in bocca"
    Ricambio la visita al Tuo sito. Mi hanno attirato le sarde a beccafico che sono di sicuro buonissime (anche se per parte mia le preferisco "nature" grigliate e basta).
    Io sono di Martina Franca mentre mia moglie é di Fasano. Abbiamo tante ricette pugliesi da mettere sul blog. Dobbiamo però aspettare il tempo giusto (le cime di rapa per le orecchiette, e, per natale: le "pettole" con il cotto di vino -le cartellate e i "porceddi" con il miele, i cappelletti alla parmigiana etc..)
    Complimenti per la Tua cucina. Ciao.
    Martino

    RispondiElimina