mercoledì 22 ottobre 2008

una pasta semplice x un periodo complicato

No... non voglio assolutamente tediarvi, non ve lo meritate... ma potete ben immaginare i motivi della mia assenza dal blog... insomma qui, dicono, CI DOBBIAMO FORMARE GLI ANTICORPI e dobbiamo anche mettere a dura prova la PAZIENZA, la CAPACITA' genitoriale, la FANTASIA e la FORZA FISICA ....

ma la cucina, la cucina rimane...
passione sfrenata mentale e materiale...
quella non la voglio abbandonare!



Oggi vi propongo una ricetta semplice semplice, ma d'altronde è la legge della sopravvivenza organizzarsi in questi periodi con ricette poco elaborate... arriveranno tempi migliori in cui come mamma e donna avrò la calma di CUCINARE come si DEVE!

Dosi x 2 persone
170g di pasta genovese detta CROXETTI**
100g di salmone affumicato
una piccola cipolla bianca
panna da cucina 80ml (circa 3 cucchiai)
vino bianco
sale
pepe bianco
prezzemolo

Il procedimento è semplicissimo: mentre cuoce la pasta si soffrigge leggermente la cipolla e la si sfuma con poco vino bianco, si agginuge il salmone tagliato a piccole listarelle e si spegne il fuoco... quando la pasta è cotta la si manteca in padella aggiungendo secondo il gusto poco sale, pepe bianco e prezzemolo, in ultimo i cucchiai di panna.

Servire caldi.

**I corzetti o croxetti sono una pasta tipica della cucina ligure.
Sono detti stampati perché la decorazione di questi piccoli cerchi di pasta a forma di medaglione è ottenuta mediante uno stampino in legno che decora la pasta in modo da "prepararla" ad accogliere meglio il condimento. In alcune botteghe artigianali si trova ancora chi fabbrica questi stampi così utili per preparare questa pasta tipica.
I corzetti stampati compaiano nel medioevo, nell'epoca rinascimentale. Le famiglie nobili del tempo pare ordinassero ai loro cuochi di realizzare un tipo di pasta che riportasse il proprio stemma, tutto ciò con lo scopo di rammentare ai commensali l'importanza della loro famiglia e per riaffermare il proprio dominio sul territorio.
Le incisioni erano solitamente differenti sulle due parti.
Il nome deriva dall'immagine stilizzata di una piccola croce, una crocetta ("cruxetta") con la quale veniva originariamente decorato un lato di questi medaglioni, da qui il nome "cruxettu".
Gli stampi sono composti da due parti: una è un cilindro con una parte dai bordi taglienti e serve per tranciare i dischi di pasta, l'altra ha la forma di timbro..
Il legno utilizzato per la costruzione degli stampi è di essenze particolari (melo, pero, acero, faggio), per evitare che il tannino o le resine, presenti in altri legnami, trasmettano alla pasta un gusto sgradevole.
(notizia presa dalla RETE)


Intanto mi preparo psicologicamente a sabato...
festeggierò 5 anni di matrimonio in un modo del tutto originale...
ve lo assicuro! ^__^



15 commenti:

  1. Eccomi! ;-) adoro la pasta e salmone...ed il salmone in genere! ma...adesso mi incuriosisci...COME festeggerai sabato?? ...o forse forse lo so..? ;-)))

    bacioni
    Grazia

    RispondiElimina
  2. dove li ho visti sti croxetti... da fiordisale forse... buon anniversario!

    RispondiElimina
  3. E vai,
    per un periodo complicato come l'hai descritto, non puoi mica lamentarti, anzi sei stata bravissima.
    Bacio

    RispondiElimina
  4. che strana questa pasta! A parte il condimento che è buonisismo, ma la pasta proprio! Mai sentita, ma è ripiena?? Buona bouna!!
    E come festeggerai?? Ceh curiosità c'hai messo!! Passeremo a controllare le novità!!
    bacioni

    RispondiElimina
  5. Un mito di mamma.. Con la piccolina malata riesci a postare lo stesso!
    :-***
    Buona settimana

    RispondiElimina
  6. Ciao!
    Che buoni =)
    In tema gastronomico vi segnalerei il Festival dell'Alimentazione che in questi giorni sta insaporendo le strade milanesi!!!

    http://www.festivaldellalimentazione.com/home.php?idp=2

    Non potete perdervi gli ultimi giorni!!!

    RispondiElimina
  7. Mi dispiace Annina per questo periodo, la storia degli anticorpi però è vera :) Io da piccola mi ammalavo sempre sempre di tonsillite, adesso mi ammalo molto raramente (ecco che me la sono tirata...). Buon anniversario!!! Cat

    RispondiElimina
  8. Annina, la pasta al salmone la adoro (anche se e' andata un po' fuori moda, fa niente!) ma tu l'hai abbinata a questo bellissimo formato di pasta!!! Zitto stomaco, che e' ora di prendere il caffe' :))

    Un bacio, ed in bocca al lupo a tutta la famiglia, che gli anticorpi siano con voi!!

    RispondiElimina
  9. Ciao cuochetta! Spero che pian piano le cose si stiano rimettendo in sesto per la piccola e che piano piano si rimettano anche per te ;-)
    Un caro abbraccio,
    Aiuolik

    RispondiElimina
  10. adoro questo tipo di pasta l ho comprata quando sono stata a casa della mia amica a genova lo scorso anno peccato che da me è difficilissima da reperire!
    bravissima come al solito anche nelle ricette super fast!
    bacioni

    RispondiElimina
  11. un modo originale?
    chiamate i nonni in aiuto e staccate la spina.
    auguri a tutti e due.
    Annina se posso (non sai che periodo incasinato anche per me) ti mando mail

    RispondiElimina
  12. ciao carissima ;)
    ma melo spieghi come fai ad essere una super mamma e a fare 3mila cose? ;) bacioniiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  13. In bocca allupo per il superamento di questo "periodo complicato"! le tue ricette sono al solito buonissime!! Ciao, B

    RispondiElimina
  14. Anche se non amo molto il salmone .. questa ricetta mi fa venire una fame :))
    ciao ciao
    Maè

    RispondiElimina